Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Luoghi della cultura; Oggetto fisico

Categoria:

Aree archeologiche; Musei archeologici

Responsabile:

Responsabile: SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELLA SARDEGNA (accorpata)

L’area archeologica, situata nella splendida valle di Antas, comprende un tempio, tre tombe a pozzetto di epoca nuragica ed un modesto abitato.

Il sito ebbe dapprima una destinazione funeraria (inizi IX sec. a.C.), come attestato dalle tombe rinvenute presso il tempio. Ciò che oggi vediamo del tempio è il risultato della riedificazione, realizzata dai Romani nel III secolo d.C, dell’importante tempio punico costruito attorno al 500 a.C., subito dopo la conquista cartaginese dell’isola, e modificato attorno al 300 a.C. secondo il gusto punico ellenistico. Come è testimoniato da un’iscrizione, il tempio era dedicato al dio chiamato dai Romani Sardus Pater Bab(a)i, identificabile con il dio cartaginese guerriero e cacciatore Sid, che costituisce a sua volta la trasposizione della divinità locale Babai. Proprio a questa divinità può essere associata la statuina in bronzo, di fattura nuragica, nuda e con copricapo che impugna con la mano sinistra una lancia e con la destra benedice, che è stata rinvenuta presso una delle tombe.

Il tempio, costruito con calcare locale, è costituito da una gradinata d’accesso, di cui restano solo tre gradini, e il podio, realizzato in opus quadratum. E’ articolato in un pronao, con quattro colonne sul prospetto e due sui lati, tutte sormontate da capitelli ionici, e in una cella, con pilastri addossati alle pareti e pavimento di mosaico bianco. Nella parte posteriore sono presenti due piccoli vani (adyton bipartito) dotati di due cisterne quadrangolari, destinate alla conservazione dell’acqua lustrale. A circa 200 metri dal tempio si trova un modesto abitato di età tardo romana (IV-V sec. d.C.) composto da numerosi ambienti a pianta circolare e cinto da un muro, probabilmente utilizzato anche come luogo di produzione artigianale.

Informazioni:

orario: 9.30-19.30 (da luglio a settembre) 9.30-17.30 (aprile, maggio e ottobre) 9.30-18.30 (giugno) 9.30-16.30 (novembre e marzo) - chiusura settimanale: Lunedì (novembre e marzo)
biglietteria: costo dei biglietti: € 3,50 - riduzioni: € 3,00 (dai 6 agli 11 anni, gruppi oltre 30 persone e scolaresche) Ingresso gratuito: sino ai 5 anni, diversamente abili e loro accompagnatori, accompagnatori scolaresche, autisti pullman - orario: Chiude mezz’ora prima dell’orario di chiusura

Contatti:

email: info@startuno.it - tel: 0781 580990 / 347 8174989 - fax: 0781 580990
prenotazione: Nessuna

Servizi:

Sala per la didattica; Didascalie; Audioguide; Ristorazione; Bookshop

Ambito geografico:

Antas, - 09010, Fluminimaggiore (Carbonia-Iglesias), Sardegna - Italia

immagine

Condizioni d'uso della risorsa digitale:
Con attribuzione, no opere derivate, senza riuso commerciale
Quest'opera di MetsTeca è distribuita con Licenza Con attribuzione, no opere derivate, senza riuso commerciale.

Immagini di anteprima

anteprima dell'immagine 1 [Error: "connect timed out"]

Riferimenti

È riferito da: consulta la scheda dell'Anagrafe Luoghi della Cultura [Error: "connect timed out"]
consulta il sito web
Portale Sardo
Sardegna Cultura
Wikipedia [Error: "it.wikipedia.org,"]

È gestito da : Gestore: Società Cooperativa StartUno

Fonte dati

MuseiD-Italia / --Area archeologica di Antas

Identificatore: mus_603

Diritti

Detentore dei diritti: Comune

Condizioni d’uso del metadato: Pubblico dominio



Documenti simili

Immagine

Area archeologica di Nervia

MuseiD-Italia
oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_605

Immagine

Area archeologica di Larino

MuseiD-Italia
oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_707

Immagine

Area archeologica di Altilia-Saepinum

MuseiD-Italia
oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_608

torna all'inizio del contenuto