Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Opere; dipinto; Immagine fissa

Categoria:

Pittura

Autore:

Bellini Giovanni detto Giambellino

Opera sacra a destinazione privata. La tavola è citata da G. Lochis nel 1858 ("Del suddetto [Giovanni Bellini] col nome. Il Redentore avente ai lati la Beata Vergine e San Giovanni. Prima maniera dell'autore") e da G. Morelli nel 1864 ("60. Originale bellissimo, non ... ristaurato"). L'opera, che è influenzata da un rilievo in bronzo con il Cristo in pietà scolpito da Donatello per l'Altare del Santo a Padova, era stata con tutta probabilità acquistata a Brescia. La datazione al 1455 circa è avanzata da G. Valagussa in "I grandi veneti ...,", 2010. La cornice novecentesca è in legno modanato, dipinto e dorato. Di quest'opera esisteva una derivazione di Pier Maria Pennacchi già in Collezione Scopinich a Milano.

Soggetto:

sacro
Cristo in pietà tra la Madonna e San Giovanni Evangelista

Estensione:

altezza: cm 43.7; larghezza: cm 32.4

Materia e tecnica:

tavola/ pittura a tempera

Data di creazione:

1455 ca.; sec. XV; 1455

Data di modifica:

1932; 1974; 2008

Ambito geografico:

Accademia Carrara - Museo, Piazza Giacomo Carrara, 82 - Bergamo (BG), Italia, inv. 81LC00138 (1881) - proprietà Comune di Bergamo

immagine

Condizioni d'uso della risorsa digitale:
Con attribuzione, no opere derivate, senza riuso commerciale
Quest'opera di MetsTeca è distribuita con Licenza Con attribuzione, no opere derivate, senza riuso commerciale.

Immagini di anteprima

anteprima dell'immagine 1

Riferimenti

È riferito da: scheda ICCD OA: 0302024452

È incluso da: Fondo Lochis

Fonte dati

MuseiD-Italia / Fondo Lochis - fondo - 1789-1859, XVIII/ XIX

Identificatore: work_365

Diritti

Condizioni d’uso del metadato: Pubblico dominio



torna all'inizio del contenuto