Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Opere; dipinto; Immagine fissa

Categoria:

Pittura

Autore:

ambito tedesco

La piccola tela è stata identificata da Fusari (2002, p. 53) con la "bellissima Sacra famiglia d'uno scolaro del Hostaek" di cui parla Alessio Antonio Rota dicendola nella sua casa, insieme al San Giacomo maggiore che egli attribuiva a Caravaggio. Vedendola già censita nell'Inventario del 1878 Maggi (2003-2004, p. 118) ha ritenuto non potesse provenire dal lascito Rota e si è impegnato in un funambolico quanto farraginoso ragionamento per riconoscere nella tela di cui parla il Rota il Riposo durante la fuga in Egitto (inv. n. D00014), effettivamente entrato nelle collezioni della Pinacoteca Repossi per lascito di Marianna Rota nel 1926. Tuttavia la famiglia Rota, tramite i suoi rappresentanti, lasciò a più riprese opere alla pinacoteca clarense e giova ricordare anche che lo stesso Giovan Battista Rota, poi vescovo di Lodi, fu per un certo periodo bibliotecario della Morcelliana e non si può escludere che proprio lui lasciasse questa teletta alla pinacoteca (in generale in LA e in TU si è segnato come ingresso in Pinacoteca il riferimento cronologico "1878 ante" perchè la tela in questione compare per la prima volta nell'Inventario della Pinacoteca del 1878). D'altro canto, per quanto non espresso da Alessio Antonio, il nome Hostaek (che dovrebbe storpiare quello corretto di Aachen) si riferisce a un artista di ambito nordico, e non certo a un pittore tutto sommato ascrivibile all'ambito centro italiano com'è il caso del citato Riposo durante la fuga in Egitto. Tanto più che ora, tolti i dubbi sulla derivazione veramente nordica del dipinto, non è più necessario nemmeno ascriverlo alla maniera di Lelio Orsi per farlo rientrare a qualche titolo nell'ambito della scuola italiana. Il dipinto originale (per il quale si rimanda a Jacoby J. 2000, pp. 115-116 n. 23) è oggi perduto; fu realizzato da Hans (o Jan) van Aachen, artista attivo alla corte praghese di Rodolfo II ed è noto solo attraverso un'incisione di Aegidius Sadeler II (The Illustrated Bartsch, vol. 72, parte I - supplemento, New York 1997, pp. 132-134, n. 082) che dovette determinarne la grande fortuna e l'ampia circolazione di copie tra le quali una (assai variata), attribuita a Simone Cantarini conservata all'Accademia Carrara di Bergamo (inv. 578). Per questa composizione van Haachen, che - secondo suo solito - realizza strutture costruite sulla diagonale, con figure allungate e preziose, pare ispirarsi al Riposo durante la fuga in Egitto di Veronese e ai preziosismi alambiccati e funambolici di Parmigianino. Quest'ultimo elemento, d'altro canto, motiva l'ascrizione al Parmigianino della tela della Pinacoteca Repossi fin già dalla fine dell'Ottocento.

Soggetto:

sacro
Sacra Famiglia con sant'Anna e angeli

Estensione:

altezza: cm 45; larghezza: cm 36

Materia e tecnica:

olio su tela

Data di creazione:

1600 post - 1649; sec. XVII, prima metà; 1600 - 1649

Data di modifica:

1998

Ambito geografico:

Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi - Pinacoteca Repossi, Via Bernardino Varisco, 9 - Chiari (BS), Italia, inv. D00015 (1991) - proprietà privata



Documenti simili

Immagine

Sacra Famiglia con Sant'Anna

Regione Marche
oai:sirpac.cultura.marche.it:2014

torna all'inizio del contenuto