Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Oggetto fisico

Categoria:

Edifici religiosi

Chiesa cinquecentesca voluta da Giulio III a ricordo della sua fuga dalla prigionia durante il sacco di Roma ed eretta nel 1552-53 su progetto del Vignola, che contrappose l'osservanza grammaticale alla libertà sintattica usando non rigorosamente gli ordini architettonici; venne restaurata da Giuseppe Valadier nel 1805, nel 1826 e nel 1828 (fu allora realizzata la sagrestia), mentre nel 1852 venne aggiunto il campanile a vela. La facciata in peperino, con portale a timpano e nicchie-finestre ai lati, è tripartita da lesene corinzie lievemente aggettanti che sostengono un frontone triangolare. Nell'interno, una semplice aula rettangolare con piccolo sacello per altare, il disegno del pavimento dà unità al parallelepipedo di base sul quale poggia la cupola ovale, elemento nuovo e caratterizzante l'architettura vignolesca; gli affreschi sono del Sermoneta e di Pellegrino Tibaldi.
Classificazione secondo la graduatoria Guida Rossa TCI: *

Ambito geografico:

via U. Fleres 27 - Roma (RM)



Documenti simili

Immagine

Sandrini Andrea, Piglio (Roma)

Istituto Centrale per la Storia del Risorgimento
oai:risorgimento.it:420415

Immagine

Sandrini Andrea, Piglio (Roma)

Istituto Centrale per la Storia del Risorgimento
oai:risorgimento.it:420416

Immagine

Sandrini Andrea, Piglio (Roma)

Istituto Centrale per la Storia del Risorgimento
oai:risorgimento.it:420417

torna all'inizio del contenuto