CulturaItalia feed http://www.culturaitalia.it CulturaItalia feed it Mon, 11 Dec 2017 02:22:11 GMT CulturaItalia 2017-12-11T02:22:11Z it "Le macchine del tempo", Enrico Baj a cavallo della storia http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/_Le_macchine_del_tempo___Enrico_Baj_a_cavallo_della_storia.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 In mostra a Firenze una selezione di sculture e collage dell'ultimo decennio di attività dell'artista, con un focus su quattro cicli Tue, 21 Nov 2017 09:30:13 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/_Le_macchine_del_tempo___Enrico_Baj_a_cavallo_della_storia.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-11-21T09:30:13Z Soffici e Rosai, un dialogo a "colpi di realtà" http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/Soffici_e_Rosai__un_dialogo_a__colpi_di_realta_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 A Poggio a Caiano una mostra che mette a confronto i linguaggi figurativi dei due artisti e offre uno spaccato dell'Italia dagli anni Dieci del Novecento al secondo dopoguerra Wed, 25 Oct 2017 08:30:11 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/Soffici_e_Rosai__un_dialogo_a__colpi_di_realta_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-10-25T08:30:11Z Autunno con Miró http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/percorsi/Autunno_con_Mir_/index.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 L&rsquo;artista catalano è protagonista di quattro mostre, a Torino, Pistoia, Milano e Recanati Mon, 23 Oct 2017 09:30:10 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/percorsi/Autunno_con_Mir_/index.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-10-23T09:30:10Z Ambrogio Lorenzetti, un'imponente vicenda artistica http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/Ambrogio_Lorenzetti__un_imponente_vicenda_artistica.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 Una mostra a Siena, nel complesso di Santa Maria della Scala, ricostruisce, presentando anche una serie si recenti restauri, l'intera attività del maestro, messa in ombra dal ciclo di affreschi di Palazzo Pubblico Tue, 17 Oct 2017 08:30:14 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/Ambrogio_Lorenzetti__un_imponente_vicenda_artistica.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-10-17T08:30:14Z Finitezza umana e durevolezza dell’arte, Urs Fischer protagonista di "In Florence" http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/fotogalleries/Finitezza_umana_e_durevolezza_dell_arte__Urs_Fischer_protagonista_di__In_Florence_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 A due anni di distanza, Piazza della Signoria a Firenze ospita nuovamente &ldquo;In Florence&rdquo;, manifestazione di arte contemporanea ideata da Fabrizio Moretti e Sergio Risaliti, promossa dal Comune e organizzata in concomitanza con la Biennale Internazionale d&rsquo;Antiquariato di Firenze. Il protagonista della seconda edizione, che si svolge dal 22 settembre al 21 gennaio 2018, è lo svizzero Urs Fischer, tra i grandi artisti del panorama mondiale: l&rsquo;evento, curato da Francesco Bonami e organizzato dall&rsquo;Associazione Mus.e, consiste nella presentazione di un&rsquo;opera monumentale all&rsquo;interno della celebre piazza fiorentina. Per l&rsquo;occasione, l&rsquo;artista svizzero, residente da molti anni a New York, ha ideato un doppio progetto inedito incentrato sulla scultura tenendo conto del contesto storico e artistico urbano così carico di segni e storie della piazza, vera e propria agorà rinascimentale, centro nevralgico della manifestazione del potere repubblicano, poi trasformata con Cosimo I, duca e granduca di Firenze e della Toscana, in una vera e propria galleria di capolavori antichi e moderni sia di marmo che di bronzo. Nella piazza viene innalzata <em>Big Clay</em>, una scultura di grandi dimensioni, circa dodici metri &ndash; prestata dalla V.A.C. Foundation Collection &ndash; in metallo, le cui forme hanno contemporaneamente qualcosa di primordiale e di infantile, di totemico e di architettonico. A completezza del progetto, Fischer posiziona due opere sull&rsquo;Arengario di Palazzo Vecchio: tra la riproduzione del David di Michelangelo e quella di Giuditta e Oloferne di Donatello, in continuità con le esposizioni di Jeff Koons (2015) e Jan Fabre (2016), l&rsquo;artista ha creato due figure umane, trasformate in candele, che si consumeranno lentamente durante la durata della mostra, quali simboli della finitezza umana e della durevolezza dell&rsquo;arte. Mon, 25 Sep 2017 09:00:09 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/fotogalleries/Finitezza_umana_e_durevolezza_dell_arte__Urs_Fischer_protagonista_di__In_Florence_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-09-25T09:00:09Z "Pontormo 3D", un video-racconto tra immaginazione e realtà http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/fotonotizie/_Pontormo_3D___un_video-racconto_tra_immaginazione_e_realta.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 Dal 1&ordm; settembre al 22 ottobre la Chiesa di San Franceschetto, a Lucca, ospita l&rsquo;evento &ldquo;Pontormo 3D&rdquo;. Il <em>Ritratto di giovinetto</em> di Pontormo è una delle opere pittoriche più rilevanti conservate in città, l&rsquo;immagine-simbolo del Museo di Palazzo Mansi, conosciuto in tutto il mondo e in più occasioni esposto in mostre nazionali e internazionali. Intorno all&rsquo;aura di mistero, legata per lo più all&rsquo;identità del ragazzo effigiato, è stato costruito un video-racconto, tra immaginazione e realtà documentale, con i supporti tecnologici d&rsquo;avanguardia di cui è stato recentemente dotato lo spazio. L&rsquo;intento del progetto, promosso da Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, è conoscere e apprezzare lo spettacolo che nell&rsquo;arte stessa è insito, creando un ponte virtuale tra l&rsquo;esperienza immersiva del 3D e il piacere di andare alla ricerca dei tesori nei musei, riscoprendoli. Fri, 22 Sep 2017 09:00:00 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/fotonotizie/_Pontormo_3D___un_video-racconto_tra_immaginazione_e_realta.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-09-22T09:00:00Z Miró e Marino, maestri del colore http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/Mir__e_Marino__maestri_del_colore.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 Una mostra a Pistoia mette a confronto opere dei due artisti, vicini nell'esprimere la vitalità e la gioia di vivere attraverso le scelte cromatiche Wed, 20 Sep 2017 08:45:00 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/Mir__e_Marino__maestri_del_colore.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-09-20T08:45:00Z Firenze e Prato: cinque gallerie per l’omaggio a Giuseppe Chiari http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Firenze_e_Prato__cinque_gallerie_per_l_omaggio_a_Giuseppe_Chiari.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 Nell'ambito delle iniziative promosse in occasione del decennale della scomparsa di Giuseppe Chiari, a Firenze e Prato cinque gallerie d'arte celebrano simultaneamente l'opera dell&rsquo;artista, con inizio il 2 dicembre. &ldquo;PentaChiari&rdquo; è il titolo dell&rsquo;esposizione, a cura di Bruno Corà, curatore anche del catalogo edito da Gli Ori. Le galleria promotrici sono le fiorentine Tornabuoni Arte (<strong>fino al 27 gennaio </strong>2018), Il Ponte (fino al <strong>2 febbraio</strong>), Santo Ficara (fino al <strong>2 febbraio</strong>) e Frittelli Arte Contemporanea a Firenze (fino al <strong>2 marzo</strong>) e la pratese Armanda Gori Arte (fino al 28 gennaio).&nbsp;&nbsp; Wed, 06 Dec 2017 07:41:00 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Firenze_e_Prato__cinque_gallerie_per_l_omaggio_a_Giuseppe_Chiari.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-12-06T07:41:00Z Montevarchi: mostra “Giovani scultori al Cassero” http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Montevarchi__mostra__Giovani_scultori_al_Cassero_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 <strong>Fino al 28 gennaio 2018</strong> il Cassero per la Scultura Italiana dell&rsquo;Ottocento e del Novecento - Museo Civico di Montevarchi (Arezzo) ospita la mostra &ldquo;Giovani scultori al Cassero. Focus sui finalisti del Pna 2015&rdquo;, a cura della direttrice scientifica del Museo, Federica Tiripelli, aperta dal 22 ottobre. Si tratta di un'esposizione che raccoglie sei opere dei tre scultori finalisti per la sezione scultura del Premio Nazionale delle Arti Claudio Abbado nel 2015: Noa Pane (Roma, 1983), Leardo Sciacoviello (Vercelli, 1979) e Luigi Scopelliti (Reggio Calabria, 1988). Il percorso espositivo è allestito nelle sale della collezione permanente, in dialogo con le sculture presenti. La tematica sociale fa da filo conduttore: Noa Pane indaga le dinamiche familiari e sociali della donna; Leardo Sciacoviello esplora manicomi e carceri, luoghi di segregazione e abuso; Luigi Scopelliti si concentra sulla violenza dell&rsquo;uomo sulla natura. Thu, 30 Nov 2017 08:00:01 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Montevarchi__mostra__Giovani_scultori_al_Cassero_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-11-30T08:00:01Z Firenze: “Lana, seta, pittura”, l’arte tessile nel Trecento http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Firenze___Lana__seta__pittura___l_arte_tessile_nel_Trecento.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 Un prestito eccezionale apre la mostra &ldquo;Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura&rdquo; in programma presso la Galleria dell&rsquo;Accademia di Firenze <strong>dal 5 dicembre al 18 marzo 2018</strong>. Si tratta di un vestitino in lana prestato dal National Museum di Copenhagen, confezionato sulla metà del XIV secolo per una bambina e recuperato dagli archeologi in Groenlandia. Esso si pone idealmente alla fonte del gusto occidentale per l&rsquo;abbigliamento e lo sviluppo del concetto di &ldquo;moda&rdquo;, ai giorni nostri uno dei motori fondamentali dell&rsquo;economia del Paese. L&rsquo;esposizione, ideata e curata da Cecilie Hollberg, mostra, infatti, l&rsquo;importanza dell&rsquo;arte tessile a Firenze nel Trecento, sia dal punto di vista economico che nel campo della produzione artistica e nei costumi della società del tempo. La piccola veste proviene da scavi condotti nel 1921 a Herjolfnaes sulla costa orientale della Groenlandia, che portarono al rinvenimento di un cospicuo numero di costumi, databili per la maggior parte al Trecento. L&rsquo;abitino era probabilmente confezionato per una bambina di tre anni: il busto e le maniche sono strette, mentre la parte inferiore si allarga verso il fondo grazie all&rsquo;inserzione di due gheroni triangolari davanti e due dietro, posti al centro della figura. Il tessuto, costruito con una lana locale lavorata su di un telaio verticale a intreccio classico, aveva in origine un ordito grigio e una trama bianca, privi di tintura. Tue, 28 Nov 2017 09:32:01 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Firenze___Lana__seta__pittura___l_arte_tessile_nel_Trecento.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-11-28T09:32:01Z Roma: incontro sulla Villa di Aiano, "dallo scavo al museo di arte contemporanea" http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Roma__incontro_sulla_Villa_di_Aiano___dallo_scavo_al_museo_di_arte_contemporanea_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 Lunedì <strong>4 dicembre</strong> presso il Museo Nazionale Romano, nella sede della Crypta Balbi, tra le 16 e le 19, continuano i &ldquo;Discorsi sul metodo&rdquo;, questa volta sullo scavo della villa romana di Aiano - Torraccia di Chiusi a San Gimignano (Siena), città nota soprattutto per l&rsquo;architettura medievale. Interverranno Daniela Porro, direttrice del Museo; Caterina Bon di Valsassina, titolare della Direzione generale per l'Archeologia, le Belle Arti e il Paesaggio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Mibact); Elena Calandra, direttrice dell'Istituto Centrale per l'Archeologia; Marco Cavalieri (Università Cattolica di Lovanio); Charles Bossu (Academia Belgica); Anna Di Bene, soprintendente per l'Archeologia, le Belle Arti e il Paesaggio per le province di Siena, Arezzo e Grosseto; Mirella Serlorenzi, responsabile della Crypta Balbi; Carolina Taddei, assessore alla Cultura, Turismo e Promozione del territorio del Comune di San Gimignano; Guido Vannini (Università degli Studi di Firenze). L&rsquo;incontro comprende la presentazione dei dati derivanti dallo scavo (molto noti i mosaici), svolto dall&rsquo;Università Cattolica di Lovanio (Belgio) su concessione ministeriale, ma anche il progetto complessivo che interessa la villa e il suo contesto. La sfida è proporre un&rsquo;offerta turistico-culturale non solo di massa, ma rivolta anche a settori d&rsquo;interesse più mirati, mediante una diversificazione dell&rsquo;offerta e una diffusione sul territorio dei flussi. A tal proposito, l&rsquo;archeologia è stata considerata quale potenzialità da valorizzare in un contesto che nasce attorno all&rsquo;importante percorso della via Francigena, ma che vede nella villa romana di Aiano un punto d&rsquo;attrazione turistico &ndash; oltre che scientifico e culturale &ndash; da sostenere. L&rsquo;idea è, mediante fondi pubblici e privati (italiani ed europei), creare un parco archeologico sul sito, aperto e attrezzato, ma rispettoso del paesaggio, la valle del Foci. A questo obiettivo se ne aggiunge un secondo, ancor più ambizioso, che prevede di allestire, nelle rinnovate sale del Museo Archeologico di San Gimignano, quattro sale completamente dedicate alla villa d&rsquo;Aiano. La cornice è il settecentesco ex convento di Santa Chiara ove, grazie a fondi regionali, la presentazione della ricerca ad Aiano avrà come obiettivo l&rsquo;informazione/educazione del pubblico e il suo divertimento mediante un medium espositivo fondato sia sulla realtà aumentata sia sull&rsquo;interazione tra materiali archeologici e arte contemporanea. Saranno infatti invitati artisti visivi a reinterpretare la villa e i suoi materiali secondo il linguaggio contemporaneo. Lo scopo del progetto è creare un dialogo e un ponte simbolico fra l&rsquo;arte dell&rsquo;antichità e quella della nostra epoca. Tramite la visione dell&rsquo;artista contemporaneo sarà possibile avere una nuova chiave di lettura del sito archeologico. San Gimignano ha una tradizione importante in questo tipo di progettualità: infatti, fin dal 1994, ha presentato opere di artisti contemporanei pensate espressamente per dialogare con il patrimonio storico del sito Unesco. Grazie ai progetti &quot;Affinità&quot;, curato da Giuliano Briganti e Luisa Laureati, e &quot;Arte all&rsquo;arte&quot;, nonché grazie all&rsquo;Associazione Arte Continua, San Gimignano ospita oggi fra gli altri opere di Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Eliseo Mattiacci, Kiki Smith, Joseph Kosuth e Luisa Rabbia. Mon, 27 Nov 2017 14:20:02 GMT http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/notizie/Roma__incontro_sulla_Villa_di_Aiano___dallo_scavo_al_museo_di_arte_contemporanea_.html?language=it&tematica=Regioni&selected=15 2017-11-27T14:20:02Z