Condividi
  • Facebook
  • Twitter
Cultura digitale

Indigo, una nuvola informatica per la ricerca europea

24/4/2015

Al via il progetto coordinato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare: dal programma Horizon 2020 undici milioni di euro in trenta mesi per sviluppare una piattaforma di tipo cloud al servizio di diversi ambiti disciplinari

Ha preso il via ufficialmente il progetto europeo Indigo - DataCloud, che porterà allo sviluppo di una piattaforma software di cloud computing destinata alla ricerca scientifica: una nuvola informatica al servizio delle più diverse discipline, non solo nell’ambito delle cosiddette “scienze dure”, ma anche in quello umanistico. Il progetto, a guida italiana, è coordinato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, che ha ospitato la conferenza d’avvio a Bologna (22-24 aprile). Con l’Infn sono coinvolte ventidue istituzioni scientifiche di primo piano di undici paesi, oltre a quattro grandi aziende del comparto delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione: l’italiana Santer Reply, la tedesca T-Systems, la multinazionale Atos e la spagnola Indra. Indigo rientra in Horizon 2020, il Programma quadro europeo per la ricerca e l’innovazione, che ha messo a disposizione un finanziamento di undici milioni di euro in trenta mesi, ... continua
   

Speciali

[Giornata dei beni ecclesiastici, l’umanesimo nell’era digitale]

Giornata dei beni ecclesiastici, l’umanesimo nell’era digitale

La Cei presenta la nuova edizione del portale BeWeb e propone una riflessione sulle prospettive aperte per la cultura dalla rivoluzione tecnologica

[BeWeb, la vetrina dei beni ecclesiastici]

BeWeb, la vetrina dei beni ecclesiastici

Online tre milioni e mezzo di record, frutto del lavoro di inventariazione del patrimonio storico e artistico portato avanti dalle diocesi italiane dal 1996. Il portale si arricchirà col tempo anche dei dati relativi al patrimonio architettonico, archivistico e librario

[Opere del Mao di Torino in 3D su Google Cultural Institute]

Opere del Mao di Torino in 3D su Google Cultural Institute

Venti opere delle collezioni del Mao – Museo d’Arte Orientale di Torino, un numero destinato a crescere a breve, sono visibili in 3D sulla piattaforma digitale Google Cultural Institute, che integra in Art Project la nuova funzione, presentata alla conferenza annuale Museums and the ...

Schede collegate

torna all'inizio del contenuto