Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Scheda della risorsa - oai:culturaitalia.it:museiditalia-work_63665
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



Scheda della risorsa
immagine

dipinto

Tipo: Opere; dipinto; Oggetto fisico; Strozzi, Zanobi; Beato Angelico, collaboratore

Categoria: Opere d'arte visiva

Autore: Beato Angelico (1395-1400/ 1455)

Secondo l'Orlandi la tavola deve essere messa in relazione sia con l'eredità venuta dal monastero di Santa Maria degli Angeli da Andrea di Filippo degli Scolari, vescovo di Varadino, morto il 26 gennaio 1426, e da Matteo di Stefano degli Scolari morto anch'egli nella stessa città il 13 gennaio di detto anno, in seguito, molto probabilmente, all'elevazione ad abate generale dell'ordine camaldolese di Ambrogio Traversari, avvenuta nell'ottobre del 1431 . Infatti nel documento del 31 agosto 1431 si ordina che si faccia un oratorio con un coro adeguato e tutte le altre cose a discrezione dei monaci. La coincidenza della data proposta dalla critica, 1430-31, della eredità dei due personaggi della famiglia Scolari, dell'accordo, se non definitivo, almeno orale tra i consoli dell'Arte di Calimala e il monastero per la costruzione di un "coro decente", e l'elevazione di Ambrogio Traversari, il maggior lustro che mai il monastero avesse avuto, fa credere giustamente che il solenne sedile, sulla cui spalliera fu posta la tavola dell'Angelico, fosse ordinato e fatto in tale circostanza. Una datazione intorno al 1431 è accettata dal Pope Hennessy che comunque considera l'opera copia di un originale perduto fatta da Zanobi Strozzi oppure limita l'intervento dell'Angelico ai cartoni preparatori ed attribuisce la stesura pittorica allo stesso Zanobi.

Soggetto: Giudizio Universale
Soggetti sacri. Personaggi: San Domenico; Santo Stefano; San Pietro apostolo; Madonna ; Dio Padre ; San Giovanni Battista; San Paolo apostolo Sant'Andrea apostolo; San Romualdo ; San Francesco d'Assisi; Lucifero. Figure maschili: Santi; Beati; Dannati. Figure femminili: Beate; Dannate. Figure: Angeli; Diavoli. Abbigliamento: all'antica; contemporaneo. Oggetti: gigli; chiavi; spada; croce. Architetture: cerchia muraria merlata. Oggetti: trombe; lance; avelli; sarcofago; brocca; piatti; bicchieri; tavolo.

Estensione: altezza: cm 107; larghezza: cm 214

Materia e tecnica: tavola/ pittura a tempera/ doratura

Data di creazione: 1431 - 1431, sec. XV; 1431

Ambito geografico: Convento di S. Marco, P.zza S. Marco, 3, Firenze (FI) - ospizio dei Pellegrini, parete di fondo,inv. Inventario 1890, n. 8505 (1890 post)

Immagini di anteprima

anteprima dell'immagine 1

Riferimenti

È riferito da: scheda iccd OA: 09-00191241

È incluso da: Capolavori del Museo di San Marco

Fonte dati

MuseiD-Italia / Convento di San Marco

Identificatore: work_63665

Diritti

Diritti: Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Detentore dei diritti: proprietà Stato


Documenti simili

Ricerca tutti i similiicona